LIBRERIA - Parassiti e Malattie

Effettua la ricerca

Aglio ornamentale

 

 

Esposizione:  esporre in luogo soleggiato. I bulbi non temono il freddo e possono essere lasciati nel terreno anche durante i mesi invernali, quando perdono completamente il fogliame.

Coltivazione: facili da coltivare anche in vaso. Non sono richieste cure particolari. Si adattano in qualsiasi terreno ben drenato mentre sono da evitare i terreni eccessivamente compatti e umidi.

Messa a dimora: tramite seme o per suddivisione dei bulbi in primavera.

Irrigazione: durante la fioritura si rende necessario annaffiare in caso di prolungati periodi siccitosi.

 

 

 

Il genere allium conta più di mille specie, diffuse per la maggior parte nell'emisfero settentrionale; a questo genere appartengono anche aglio, cipolla, porro; esistono però varietà coltivate per le loro infiorescenze decorative. Le foglie sono nastriformi, di colore verde chiaro; mentre le infiorescenze, sferiche, a ventaglio o ad ombrello, racchiudono piccoli fiori a stella che sbocciano dalla fine della primavera fino ad estate inoltrata. I fiori sono nei toni del rosa, del bianco, del giallo e del blu. Tra le più coltivate citiamo:

Allium giganteum: raggiunge l'altezza di 150 cm. Le infiorescenze sono tondeggianti a ombrella di colore blu-violetto. A causa dell'altezza della pianta è sconsigliata la messa a dimora in zone particolarmente ventose. Fiorisce verso la fine della primavera;

Allium moly  (luteum): di piccola statura (circa 25 cm). Da preferire l'esposizione in pieno sole o con  ombreggiamento solo parziale. Fiorisce a metà primavera. Le infiorescenze sono giallo-oro. In accostamento con i tulipani si ottengono splendide composizioni a contrasto;

Allium oreophilum: specie di statura relativamente bassa. In piena terra raggiunge 15-20 cm. Si distingue per i numerosi piccoli fiori rosa in infiorescenze di forma irregolare;

Allium "Purple Sensation": le infiorescenze presentano colori variabili da rosa chiaro a viola chiaro bluastro. Ideale per le bordure e le aiuole monotematiche. Perfetto in accostamento all'erica o alla lavanda che, grazie al fogliame argentato, mitigano il viola delle sue infiorescenze. Ottimo anche come fiore reciso;

Allium unifolium: coltivato per il colore rosa porpora dei fiori. La fioritura avviene verso la fine della primavera;

Allium caeruleum  (azureum): le infiorescenze sono di un bel colore blu celeste intenso. In piena terra le piante raggiungono l'altezza di 50 cm. La fioritura avviene in tarda primavera;

A. schenoprasum: la comune erba cipollina, con piccole infiorescenze rosate;

Allium roseum: specie originaria del Mediterraneo ed anche dell'Italia. Presenta fiori rosa portati da steli fiorali alti fino a 35 cm. La fioritura inizia a metà del periodo primaverile e dura a lungo.

A. cristophii: con grandi infiorescenze sferiche, con diametro vicino ai 20 cm, e fiori di colore blu metallico.

Esiste comunque una varietà infinita di piante ideali per creare stupende combinazioni di colore e di diverse altezze nelle bordure.

 

Parassiti e malattie

Malattie

Oidio

pubblicato il 01-10-2010

L'oidio è una malattia provocata dal fungo Uncinula spp. della famiglia delle Erisifaceae.

Chiamato anche "mal bianco", l'oidio si manifesta con macchie pulverulente grigio-biancastre che ricoprono gli organi verdi della pianta, con una graduale decolorazione della foglia, che prima ingiallisce e successivamente si secca.

Il micelio fungino, provvisto di speciali organi chiamati austori che penetrano nelle cellule, si sviluppa esternamente sulle pareti aeree dell’ospite, sulle quali forma la muffa, costituita da conidi, organi di riproduzione durante la stagione favorevole. La conservazione del fungo da un anno all’altro avviene per mezzo di spore ibernanti o come micelio negli organi colpiti.
L’oidio, pur essendo favorito dall’umidità si può sviluppare anche in assenza di particolari condizioni di umidità o, addirittura, di asciutto. Anche la temperatura non ha una grande influenza, le Erisifacee infatti cominciano la loro attività già con temperature relativamente basse, inoltre non sono disturbate da quelle elevate.
Le parti più colpite sono le foglie, ma anche gli altri organi vegetali, come fusti e fiori, sono spesso sede del parassita. Le foglie si accartocciano e si seccano, i rami si deformano. Gli oidi hanno una vasta "scelta" di piante ospiti, che vanno dalle specie erbacee a quelle arboree.

Scheda Oidio
Altri Parassiti e Malattie di questa pianta:
Puoi curarle con i seguenti prodotti:

la difesa

Scrivi all'agronomo