• Home »
  • Consigli del mese

Segui i nostri consigli di Settembre

Ricordati di...

Il mese di settembre segna la fine della stagione estiva e il ritorno alle normali attività; la fine delle vacanze, il rientro in città e l’inizio delle scuole. Tutti più freschi e rilassati… in realtà spesso questo periodo rappresenta un piccolo stress per la fatica a riprendere il ritmo lavorativo. E allora cerchiamo di concentrarci sui fine settimana, organizziamo gite all’aria aperta, invitiamo gli amici in giardino per un rinfresco o una cena all’aperto! Il giardino in settembre è godibilissimo e l’orto è ancora in piena produzione. Le giornate iniziano a raccorciarsi e le temperature sono più “clementi”: trascorrere le serate all’aperto dà un senso di pace e di riposo, quello che ci vuole per riprendere gradualmente l’attività.

Ottobre Settembre Agosto

Settembre:

Le condizioni del prato, a fine stagione, possono risultare un po’ malconce, per il caldo, per l’aridità e per l’uso assiduo: a settembre è possibile ricorrere alla semina per ristrutturare zone secche o per infittirlo. Scegliamo la semente più adatta alle caratteristiche del nostro prato. Dopo la semina irrighiamo, nelle ore più fresche della giornata.
Se non abbiamo seminato, diradiamo le irrigazioni in base alle temperature.
Nelle aiuole, o anche in vaso, possiamo iniziare a interrare i bulbi che fioriranno a inizio primavera: crochi, giacinti, muscari, narcisi, tulipani.
Potiamo e regoliamo siepi e arbusti.
Nel mese di settembre, con l’abbassarsi delle temperature e il rinfrescarsi delle giornate, il problema di insetti e avversità che colpiscono le nostre piante si fa meno preoccupante. Tuttavia è sempre bene non abbassare la guardia e tenere controllate le nostre piante così da prevenire lo sviluppo di malattie ed eventualmente agire immediatamente con le opportune pratiche di lotta.
Il clima ancora caldo e umido (frequenti sono piogge e temporali a settembre) può favorire in alcuni casi lo sviluppo di oidio o malbianco. Diminuiamo le innaffiature; con temperature più fresche, le esigenze idriche sono più basse e gli eccessi possono favorire lo sviluppo di patologie fungine e marciumi radicali. In caso di malattia, utilizziamo un opportuno prodotto fungicida.
Afidi, moscerini bianchi (o aleurodidi) e cocciniglie trovano ancora le condizioni a loro favorevoli e si possono sviluppare tranquillamente sulle nostre piante. In caso di infestazione, somministriamo un prodotto insetticida a base di piretro, naturale ed efficace.

Potrebbero interessarti anche

Settembre:

Compatibilmente con l’andamento stagionale, solitamente settembre è ancora un mese estivo, e l’orto è ancora in attività. Temperature più miti consentono di innaffiare con meno frequenza orto e giardino, sempre comunque in base alle esigenze di ogni coltura, e nelle ore meno calde della giornata (sera o mattino presto) per ottimizzare l’assorbimento idrico e limitare la perdita di acqua per evaporazione.
Raccogliamo: bietole, carote, cetrioli, cicoria, cipolle cipollotti, fagiolini, indivia, lattuga, melanzane, peperoni e peperoncini, pomodori, prezzemolo, rape e cavolo-rapa, ravanelli, sedano, zucche.
Con la verdura prodotta in eccesso possiamo fare delle ottime conserve in vasetto, sott’olio o sott’aceto, da consumare durante l’inverno.
Seminiamo: cipolle bianche, porri, prezzemolo, rucola, spinaci, valeriana.
Trapiantiamo: finocchi, cavoli (di ogni tipo; cappuccio, verza, …), catalogna, cavolfiori, cicoria, fragole, lattughe, indivia, bietole da costa, radicchio, zucche invernali.

Potrebbero interessarti anche

Settembre:

Nel frutteto, raccogliamo le ultime pesche a polpa bianca e nettarine, susine, mele, pere, fichi, mirtilli, mandorle, noci, nocciole, uva; è tempo di vendemmia!

Settembre:

A settembre temperature miti e giornate ancora lunghe consentono di vivere sul terrazzo attorniati da fiori e piante. Condizioni climatiche ancora calde e umide favoriscono il proliferare delle zanzare, anche nel mese di settembre che, sempre più frequentemente, presenta condizioni climatiche tipicamente estive. Le zanzare, oltretutto, sono insetti sempre più facilmente adattabili a condizioni climatiche diverse, soprattutto in città. Continuiamo quindi a proteggerci dall'attacco di questi fastidiosissimi insetti, con tutte le pratiche preventive e accorgimenti atti a tenerle lontane: non lasciamo acqua stagnante nei sottovasi o in secchi e innaffiatoi, teniamo sempre pulite le grondaie dalle foglie, in modo tale da permettere all’acqua di defluire normalmente. Se ceniamo sul balcone utilizziamo prodotti naturali ed efficaci come il piretro per tenere lontane eventuali zanzare e passare la serata in tranquillità.
A settembre possiamo godere della seconda fioritura di alcune varietà di rosa. Fioriscono gli amaryllis, gli astri, colchicum, crocus, dahliae, erica settembrina, margherite settembrine, nerine, sternbergia. Continuano a fiorire begonie, l’ibisco, i gerani, lantana, oleandro, ...
Moltiplichiamo tramite talea le nostre piante più belle! Gerani, ortensie, rose, oleandro… per la soddisfazione di avere nuove piante fatte da noi, la prossima primavera. Innaffiamo in base alle temperature e alle esigenze delle specie coltivate; controlliamo l’umidità del terriccio prima di bagnare per evitare eccessi idrici e l’insorgenza di marciumi radicali.
Ripuliamo gli arbusti ornamentali, da foglie e fiori secchi. Potiamoli se necessario, per regolarne la forma e l’altezza.

Potrebbero interessarti anche

Settembre:

Le temperature si abbassano gradualmente in settembre, soprattutto durante le ore notturne, e le giornate si accorciano. Nonostante ciò, settembre è ancora un mese caldo; teniamo le piante d’appartamento ancora all’esterno. Sicuramente richiederanno minori apporti idrici e sarà quindi sufficiente innaffiarle meno frequentemente. A tal proposito, controlliamo sempre con le dita l’umidità del terreno per evitare di esagerare con l’adacquamento, ricordando che gli eccessi idrici sono dannosi alle piante e provocano l’insorgenza di marciumi radicali.
Rimuoviamo eventuali foglie secche e fiori appassiti. Manteniamo le foglie pulite spruzzando la chioma con acqua a temperatura ambiente o passandole con una spugnetta morbida e umida. Se la parte superficiale del terriccio è dura e incrostata, rimuoviamola e sostituiamola con uno strato di terriccio fresco.
Ripuliamo esteriormente i vasi di coccio con una spazzola e acqua tiepida, se sono sporchi di muffa o sali accumulati. Controlliamo che nel terreno non vi siano insetti, larve o uova.