1. Home »
  2. Piante »
  3. Piante da orto »
  4. Porro

Porro

Categoria: Orto

Il porro (Allium porrum) è una pianta biennale - coltivata a ciclo annuale - probabilmente originaria del Su Europa e Nord Africa. Il porro è una pianta facente parte delle Alliaceae. Le foglie sono opposte (le foglie cioè nascono in coppia dallo stesso nodo) di colore verde scuro o verde giallastro raggruppate a formare una sorta di pseudo-fusto - che rappresenta la parte edule.

L'apparato radicale è fascicolato, con molte radici che si possono spingere fino a circa 40-50 cm di profondità.

Le varietà coltivate si distinguono in funzione del ciclo biologico in precoci, medie e tardive e in base alla lunghezza del "falso fusto". Tra le varietà più comuni:

 - "Lungo gigante d'inverno": la parte bianca del falso fusto, di sapore gradevole, è lunga anche  60-80 centimetri e si raccoglie durante il periodo invernale. Poiché la pianta può rimanere nel terreno anche durante i mesi freddi la raccolta viene fatta in modo scalare. Le varietà più conosciute sono: il porro di Cervere e  il porro lungo dolce di Carmagnola.

- "Mostruoso di Carentan": è una varietà molto rustica, con bulbo enorme che può raggiungere il diametro di 7- 8 centimetri e i 25 centimetri di lunghezza. E' molto resistente freddo.

 - "Gigante d'Italia": la parte bianca del fusto raggiunge anche i 30 centimetri il diametro non supera i 2-3 centimetri, molto rustico e produttivo resiste alla neve senza soffrire marciumi. E' molto richiesto per il suo sapore dolce e squisito.

Una specie affine è l'Allium ampeloprasum  var. kurrat chiamato comunemente kurrat; è coltivato e diffuso in Egitto e Medio Oriente. Viene largamente utilizzato nella cucina araba e maghrebina principalmente per le foglie.

Il porro grazie al suo particolare sapore delicato, viene utilizzato - in sostituzione della cipolla -  in cucina come ortaggio e come erba aromatica. Il porro rientra nella preparazione di minestre, brodi, zuppe, frittate, stufati, risotti, creme e salse, ecc...; inoltre tagliato in sottili rotelline può essere consumato anche crudo in pinzimonio o utilizzato per decorare e aromatizzare insalate accompagnate dalla vinaigrette (una salsa a base di aceto, olio e aromi utilizzata come condimento per verdure o insalate). Il porro è un ortaggio ricco di acqua - più del 90% - e poco calorico; è ricco di vitamina A, ha un buon contenuto di vitamina C e di vitamine del gruppo B, inoltre fornisce all'organismo elementi minerali preziosi come il ferro, il sodio, lo zolfo, ecc...

Coltivazione: gradisce i climi temperati, ma sopporta bene anche il freddo

Messa a dimora: la semina avviene in semenzaio - a letto caldo -  in dicembre/gennaio o all'aperto da marzo a giugno; direttamente a dimora nell'orto da marzo a luglio. Appena le piantine hanno emesso la quarta/quinta foglia - il diametro del falso fusto sarà di circa 1 cm-  si può effettuare il trapianto. Un mese prima del raccolto si deve rincalzare abbondantemente per aumentare la parte bianca che è quella commestibile

Irrigazioni: regolari e abbondanti. Sospendere le irrigazioni in autunno in caso di piogge abbondanti. Evitare i ristagni idrici

Raccolta: avviene scalarmene, dopo circa 3-4 mesi dal trapianto o 5-7 dalla semina.

Alternaria

Malattie

L'alternaria si conserva da un anno all'altro sui residui di piante ammalate e su ospiti spontanei. Le condizioni ottimali per il suo sviluppo sono l'elevata umidità ambientale ed una temperatura intorno ai 28°C. Questa malattia fungina è in grado di attaccare fusti, foglie e frutti delle piante. Viene anche comunemente chiamata "malattia della senescenza". Sui fusti possono comparire piccole macchie nere, ovali e ben delimitate che determinano l'appassimento della vegetazione sovrastante; l'infezione si può estendere con analoga sintomatologia alle ramificazioni contigue, ai piccioli, alle foglie e ai frutti. A livello di foglie la malattia genera macchie irregolari nerastre e necrotiche, tipicamente zonate in modo concentrico. Questa tipica conformazione viene assunta anche dalle macchie che compaiono sui frutti attaccati.

Vedi scheda completa

Puoi difendere la tua pianta con