1. Home »
  2. Piante »
  3. Piante ornamentali »
  4. Eranthis

Eranthis

Categoria: Ornamentale

Eranthis è un genere che conta una decina di specie di piante a foglia caduca, rizomatose e tuberose,  tutte decisamente resistenti, originarie dell'Europa, dell'Asia e dell'Area mediterranea. Famiglia delle Ranunculaceae. L'etimologia del nome Eranthis deriva dal greco "er" = "primavera" e ánthos" = "fiore", ad indicare la fioritura precoce di questo fiore. Il periodo della fioritura avviene a fine inverno / inizio primavera.

Tra le specie più coltivate:

Eranthis hyemalis: specie originaria del sud della Francia e presente in tutto il Mediterraneo continentale.  Può raggiungere un'altezza di  circa 10 - 15 cm.

I fiori giallo-dorati sono formati da 6 tepali (parti del fiore, più o meno uguali, che sostituiscono sepali e petali e formano il perigonio→ involucro esterno, che racchiude la parte sessuale del fiore) arrotondati che gli danno la forma di una coppa. Le foglie sono verde chiaro profondamente incise. Fioritura da gennaio a marzo.

Eranthis cilicica: originaria della Turchia e dell'Asia, ha fiori leggermente più grandi e scuri della specie europea E. hyemalis. Fiorisce prestissimo in zone particolarmente riparate e soleggiate addirittura a gennaio. La sua resistenza alle basse temperature la rende particolarmente adatta alla coltivazione in piena terra, anche nelle zone con clima rigido.

Questi bellissimi fiori vengono utilizzati per creare prati o macchie in  giardino, per la decorazione di aiuole, bordure e giardini rocciosi. Se coltivati in piena terra si consiglia di creare dei gruppi a fioritura precoce insieme con bucaneve, crochi ed anemoni; mentre se coltivati in vaso si possono combinare a bulbi più grandi ed a fioritura più tardiva. Non necessitano di  particolari cure e si moltiplicano  spontaneamente.

 

Esposizione: porre a dimora in luogo soleggiato o semi-ombreggiato

Coltivazione: sono facili  da coltivare sia in vaso che in piena terra

La migliore collocazione è sotto a dei cespugli o alberi a foglia caduca, i quali assicurano condizioni sufficientemente fresche durante l'estate. In autunno si consiglia di distribuire del concime granulare a lenta cessione

Irrigazione: nei periodi caldi e di siccità occorre intervenire con frequenti annaffiature

Messa a dimora: si seminano in primavera; è anche possibile dividere i rizomi tuberosi nella stagione estiva (agosto) e piantarli in un terreno fresco.

Lumache e limacce

Parassiti

Lumache, limacce e chiocciole sono morfologicamente caratterizzate dal possedere un “piede” muscoloso che permette loro di muoversi strisciando.
Questo piede secerne costantemente muco, che successivamente secca e forma la tipica “traccia” argentea, segno evidente della presenza di questi infestanti. Lo sviluppo di un individuo fino alla maturità richiede circa 1 anno. Lumache, limacce e chiocciole sono infestanti tipiche di giardini, orti e frutteti. Vivono in luoghi umidi e freschi, vicino a corsi d’acqua, nei boschi. Si possono definire onnivore dal momento che si nutrono di vegetali, piccoli insetti e lombrichi.
Sono attive principalmente durante la notte e nelle giornate piovose o nebbiose. Nei giorni soleggiati cercano riparo dal sole e dall’eccessivo calore nelle zone d’ombra, sotto le foglie o ai piedi delle piante.
Preferiscono le foglie delle piante particolarmente succulente, per cui gli attacchi sono frequenti su fragole, carciofi, pomodori, anche perché i frutti di queste piante sono vicini alla superficie del terreno e quindi più facilmente attaccabili.

Vedi scheda completa

Puoi difendere la tua pianta con