1. Home »
  2. Piante »
  3. Piante ornamentali »
  4. Mimosa

Mimosa

Categoria: Ornamentale

Mimosa è un genere di piante appartenente alla famiglia delle Mimosaceae (o Fabaceae). La Mimosa che tutti conosciamo (Acacia dealbata) è originaria del Sud est australiano. In natura raggiunge altezze anche fino ai 25 m. In Italia in genere non supera i 4-5 metri d'altezza. Le foglie sono di color verde glauco, i rami giovani sono spruzzati di bianco, da cui il nome scientifico della specie, dealbata, che significa tendente al bianco. I fiori giallo intenso sono raggruppati a grappoli ed emanano un profumo inconfondibile. La fioritura della mimosa può durare alcune settimane - da gennaio, fino a marzo; nelle zone con clima mite le mimose fioriscono a partire già dall'inizio di gennaio. La mimosa rende splendidi i giardini e i terrazzi dove il clima è più mite. Nelle zone più fredde può essere coltivata - ma solo in vaso - all'interno degli appartamenti. In floricoltura è molto apprezzata per il fiore reciso. La mimosa è celebre fra l'altro per essere il fiore simbolo, in molte culture occidentali, della Giornata Internazionale della Donna, l'8 marzo.

 

Esposizione: la mimosa predilige un'esposizione al sole diretto e si adatta anche alle zone un poco ombreggiate,  ma sempre riparate dal vento.

Coltivazione: sensibile alle gelate, la mimosa si adatta comunque ai climi temperati se la temperatura minima supera i  -3° C. Anche se difficile da coltivare nelle zone settentrionali dell'Italia, poiché teme gli inverni rigidi, si è adattata a vivere sulle coste dei laghi del nord, poiché può beneficiare di temperature più miti. La mimosa si può coltivare anche in vaso; il rinvaso va effettuato, subito dopo la fioritura, in primavera, ogni 3 anni circa.

Terreno: si adatta ad ogni tipo di terreno anche se preferisce quelli più acidi.

Messa a dimora: tramite semina o per talea (consigliata), in primavera - estate.  Le talee vanno prelevate in estate e interrate in vasi con terra e sabbia.

Irrigazione: il terreno durante la stagione estiva va tenuto costantemente umido, evitando i ristagni d'acqua. In inverno ridurre, di molto, le innaffiature.

 

Marciumi

Malattie


I marciumi di colletto e radici sono causati prevalentemente dai funghi delle specie Pythium e Phytophtora, questi attaccano le parti sotterranee delle piante causando ingiallimento e morte della pianta. A causa della loro natura non sono facilmente individuabili e spesso quando si decide di intervenire è troppo tardi poiché lo stato di salute della pianta è alquanto compromesso.

Vedi scheda completa