1. Home »
  2. Blog »
  3. Pratiche agronomiche »
  4. Come possiamo distinguere i mandarini dalle clementine?
Pratiche agronomiche

Come possiamo distinguere i mandarini dalle clementine?

pubblicato il 24.01.2019
mandarini

L’inverno è il periodo dei mandarini, frutti sempre amati da grandi e piccini, facili da sbucciare e gustosi da assaporare! Ricchi di vitamina C e fibra, sono frutti molto salutari, ma sarà anche per quel loro profumo intenso che ci piacciono tanto!

Mandarini e clementine… sapete qual è la differenza tra i due? Sono molto simili tra di loro, in realtà gli aspetti che li differenziano sono più di uno:
- I mandarini hanno un’origine più lontana rispetto alle clementine, che sono state selezionate in tempi più recenti.
- I mandarini hanno una forma più schiacciata, mentre le clementine sono più tonde.
- I mandarini hanno un colore più chiaro, arancione tendente al giallo, sia internamente (polpa) che esteriormente (buccia).
- Le clementine hanno una consistenza più turgida dei mandarini.
- Infine, i clementini, a differenza dei mandarini, hanno un vantaggio in più che i più pigri apprezzano molto: sono privi di semi!
- Anche il profumo dei due frutti è diverso; quello dei mandarini è più forte e indistinguibile, provate a premere la sua buccia tra le unghie e ad annusarli!

Copyr S.p.A, Società con azionista unico | CF 00394920581 | P.IVA 00878291004 | REA Milano 1812494 | Registro imprese milano n. 00394920581 | Capitale sociale 871.200 euro int.vers.
Credits - Consorzio di Imprese - Scarica il Codice Etico - Privacy Policy